La distorsione delle informazioni, le fake news e la nostra mente

Siamo fregati: il nostro cervello non è preparato a gestire le fake news, come sostiene Jud Brewer, psichiatra, neuroscienziato, autore del libro The Craving Mind.

O meglio: per gestire le fake news dobbiamo compiere vari passaggi che appesantiscono il già presente information overload, fino alla saturazione cognitiva.

In particolare quando leggiamo una headline il nostro cervello più primitivo riterrà che la fonte sia attendibile, e toccherà al cervello moderno, quello più “sgamato”, frenare gli entusiasmi spiegando che ci troviamo di fronte ad una fake news.

Questo perchè, mentre nel mondo reale abbiamo una buona idea da dove potrebbe arrivare il pericolo, su Internet ci mancano i punti di riferimento…almeno per ora…